Chat with us, powered by LiveChat

tarlo del legno Se vuoi conoscere come sbarazzarti del tarlo del legno,allora devi assolutamente leggere questo articolo!

Il legno è il materiale per costruzioni per eccellenza e sta ritornando di gran moda tra costruttori e architetti che sempre più spesso utilizzano travi in legno per le costruzioni.

Bellissimo direte voi, se non fosse per il fatto che il legno puo’ essere attaccato da tarli e termiti e che questi possono creare gravi danni strutturali alla tua casa.

 Il tarlo del legno: di quanti tipi ci sono?

Questo è senza dubbio il più diffuso in Italia, ne esistono moltissimi tipi, ma quelli che davvero ci ritroviamo nelle case sono essenzialmente 3: anobidi, lictidi e cerambicidi.

I primi due sono tarli piccoli (2/3 mm.) e che quindi fanno buchi piccoli.

I Cerambicidi invece sono tarli più grandi 15/20 mm che scavano gallerie profonde e che producono anche rumori molesti tanto che molte volte il “gracchiare” è uno dei segni distintivi della loro presenza.

Vedo la polverina/segatura in terra…sono prodotti dal tarlo del legno?

BINGO! Questa è una delle tracce che questi animaletti si lasciano dietro e molte volte l’unico segnale di allarme che permette ad un NON-esperto di capire che è in corso un’ infestazione da tarli.

La larva di tarlo (l’unico stadio vitale in cui il tarlo mangia il legno) si nutre di cellulosa ovvero la parte nobile del legno, il resto non lo gradisce e pertanto lo scarta.

Quello che chiamiamo materiale di risulta altro non è che….la segatura che hai trovato in terra!

Ho notato che ci sono dei buchi nel legno,cosa devo pensare?

Altro segno di una potenziale infestazione da tarlo del legno.

Questi insetti mangiano la cellulosa all’interno del legno e, come abbiamo detto, scavano gallerie. Ricordate la storiella del bruco che diventa farfalla? Bene il tarlo del legno è biologicamente come una farfalla (per gli amanti dei tecnicismi: insetti endopterigoti) quindi dall’uovo esce una larva che al termine del suo ciclo biologico si impuperà per cambiare radicalmente la sua morfologia fino a diventare una farfallina appunto.

I buchi che vedi sono i “fori di sfarfallamento” ovvero il foro da cui il tarlo abbandona il legno.

N.B. Dei tre stadi di sviluppo che abbiamo visto: uovo – larva – adulto,  solamente la larva si nutre di legno, mentre il tarlo adulto si preoccupa di deporre l’uovo che poi diventerà larva eccetera eccetera…..

7 COSE CHE NON DEVI ASSOLUTAMENTE FARE PER ELIMINARE IL TARLO DEL LEGNO

Adesso leggi bene, qui ci sono descritte le 7 azioni di disinfestazione più comuni (e banalmente inefficaci) che ti faranno perdere tempo e soldi e che quindi ti consiglio caldamente di evitare:

1-     Spennellare un prodotto antitarlo liquido

2-     Siringare i “fori di sfarfallamento” con un insetticida

3-     Mettere all’interno della stanza infestata una di quelle bombolette fumiganti

4-     Iniettare a pressione del liquido all’interno del legno

5-     Mettere tutto in una busta sigillata con dentro un prodotto chimico

6-     Bagnare il legno infestato con il petrolio

7-     Segare il legno la dove mi accorgo che ci possono essere i tarli.

I SEGRETI PER UNA DISINFESTAZIONE VINCENTE CONTRO IL TARLO DEL LEGNO

Mettiti comodo, se stai leggendo questo articolo vuol dire che hai i tarli, hai già provato tutti i metodi classiciprobabilmente anche quelli dei santoni) è arrivato il momento di prendere i toro per le corna e adottare una soluzione efficace e definitiva.

 

Se vuoi puoi anche vedere questo video che abbiamo realizzato apposta su questo argomento.

Ma ora andiamo con ordine.

Se hai il tarlo del legno sui mobili (o su altri oggetti movimentabili)

Il metodo migliore è  un pallone in PVC che si monta direttamente a domicilio.  Si mettono i mobili all’interno, si fa il vuoto e si immette anidride carbonica fino a saturazione. Temperatura controllata per 18 gg. e il gioco è fatto!

L’aria all’interno del pallone sarà irrespirabile perché priva di ossigeno e come ben sai nessun essere vivente può vivere in assenza di ossigeno.

Il sistema stermina gli insetti a qualsiasi stadio vitale, siano essi uovo, larva, adulto.

Se hai il tarlo del legno sulle travi o sul parquet (o sul qualunque altro oggetto inamovibile)

Il sistema più innovativo ed efficace è un emettitore di microonde in grado di innalzare la temperatura del legno fino al limite letale per i tarli 75°C ca.

Il legno è trasparente alle microonde e tollera una temperatura di 200°C ca. pertanto non ci sono rischi di nessun tipo.

Inoltre il sistema è completamente ecologico, non lascia residui non sporca e non molesta gli abitanti della casa.

I due sistemi che ti ho proposto sono quanto di meglio la tecnologia può offrire in questo momento nel mondo della disinfestazione.

Sono sistemi completamente ecologici che si possono attuare a domicilio e che non hanno alcuna interazione con l’uomo e gli animali non target.

La loro efficacia è stata testata a più riprese da Istituti di ricerca, Università e da migliaia di interventi sul campo per cui è inutile che continui a preoccuparti del problema tarli perchè c’è chi te lo può risolvere.

Se vuoi sapere quale è lo SPECIALISTA della DISINFESTAZIONE più vicino a te che usa questi protocolli puoi contattarci chiamandoci allo 800.92.61.62