L’acaro della scabbia sta tornando prepotentemente nella nostra vita: Lo testimonia questo articolo di recente pubblicazione.

L’acaro della scabbia è un piccolissimo acaro che scava delle gallerie all’interno della tua pelle. Gli adulti misurano circa 200-400 micrometri, cioè circa 0,2-0,4 millimetri. La sua attività di scavo è finalizzata a nutrirsi delle cellule della tua pelle. La sua attività di scavo determina una reazione immunitaria di ipersensibilità. I primi sintomi compaiono a circa 2-3 settimane dal contagio. Le lesioni cutanee sono altamente pruriginose. La malattia viene chiamata “scabbia”.

Se vuoi sapere come si prende la scabbia e sapere che lesioni che provoca clicca QUI.

Questa mattina eseguendo uno dei Testix per un nostro cliente abbiamo diagnosticato dalle sue polveri la presenza di questo acaro. Il cliente combatteva da qualche mese con delle lesioni cutanee che colpivano lui e i suoi familiari. Pur sospettando questo acaro non riuscivano a capire se le lesioni che avevano erano causate proprio dall’acaro della scabbia.

Per questo hanno chiesto il nostro aiuto al fine di eseguire il nostro Kit di rilivazione acari e insetti (Testix) per svelare l’arcano. Se anche tu avessi la scabbia devi assolutamente evitare di commettere errori. Errori che potrebbero compromettere la tua guarigione e quella dei tuoi familiari. Colgo l’occasione così per svelarti le 4 mosse segrete per liberarti dell’acaro della scabbia.

Cominciamo!

Mossa 1 – Assicurati di avere l’acaro della scabbia!

Devi essere sicuro di avere proprio l’acaro della scabbia. Bisogna cioè fare diagnosi di scabbia. Questo perché molti acari possono provocare lesioni simili a quelle scabbiose. Sto parlando ad esempio degli acari delle muffe Glycyphagus domesticus e Lepidoclyphus detructor per esempio. Non a caso la dermatite che provocano questi acari è chiamata “falsa scabbia”.

Sugli acari delle muffe ne abbiamo parlato anche QUI.

Attraverso TESTIX è possibile rivelare la presenza di questo acaro nelle polveri ambientali. Poiché l’acaro della scabbia è un parassita dell’uomo. La presenza di Sarcoptes scabiei nell’ambiente è un segno inequivocabile che le persone che abitano nella casa hanno la scabbia.

Mossa 2 – Tutti i membri della tua famiglia devono sottoporsi ad una terapia!

Il tuo dermatologo di fiducia saprà consigliarti la giusta cura a base di creme anti scabbia per uccidere gli acari che ti stanno scavando la pelle. Si tratta ad esempio di pomate o emulsioni contenenti permetrina al 5%, benzilbenzoato al 25-30%, crotamitone al 10%, lindano all’1%. Oppure malathion allo 0,5%. Per fare questo però devi assicurarti che tutti i membri del nucleo familiare intraprendano la terapia. Questo perché i sintomi di scabbia compaiono dopo alcune settimane di esposizione all’acaro. Quindi potrebbero esserci dei membri della tua famiglia che hanno la scabbia senza manifestare ancora lesioni cutanee. Se alcuni membri della famiglia non si sottopongono a terapia permettono all’acaro di parassitare i loro familiari che hanno finito la terapia. Questo permetterà all’acaro di parassitarle nuovamente.

Mossa 3 – Devi intraprendere una bonifica ambientale della tua casa!

Durante la terapia tutta la tua casa deve essere bonificata dall’acaro della scabbia. Questo perché Sarcoptes scabiei viene continuamente liberato dalla pelle nell’ambiente tramite le squame cutanee che sono perse quotidianamente. Sulle squame cutanee sono presenti oltre alle feci, uova e acari che possono permanere vitali nell’ambiente per più di 48 ore. Il Sarcoptes può rimanere vitale ed infestante per 7 giorni a 6°C e umidità dell’85%. Per circa 4 giorni a 20°C. Le uova invece possono rimanere vitali per più di 30 giorni.

Perciò l’ambiente frequentato da un soggetto scabbioso deve considerarsi infetto. Soprattutto i letti, la biancheria, i vestiti, poltrone e divani, tappeti. Tutti questi oggetti potrebbero albergare l’acaro della scabbia. Potrebbe quindi accadere che entrando in contatto con questi oggetti contaminati potresti contrarre nuovamente l’acaro.

 

Ti consigliamo di far eseguire questa bonifica da personale altamente qualificato. La bonifica va eseguita con la tecnica del vapore saturo secco. Deve riguardare i materassi e tutti gli oggetti e mobili della casa. Nel frattempo devono essere lavati a 60-90°C lenzuola, federe, biancheria intima e calze. I vestiti che non possono essere trattati in questo modo mettili in un sacco di nylon nero. Esponi il sacco alla luce del sole per 3-4 giorni.

 

Mossa 4 – Devi rispettare le tempistiche e concertare le tue mosse!

Per essere sicuri di eliminare per sempre l’acaro della scabbia devi eseguire le mosse 2 e 3 contemporaneamente. L’ambiente contaminato deve essere bonificato dall’acaro prima che tutti i membri della famiglia abbiano finito la terapia. Questo per evitare nuove reinfestazioni post-terapia derivate dalla presenza di Sarcoptes vitali nell’ambiente. Inoltre tutti i membri della famiglia devono intraprendere la terapia contemporaneamente. Per evitare così di passarsi la scabbia l’uno con l’altro.

Se hai delle lesioni e vuoi sapere l’acaro o l’insetto che ti sta pungendo scopri Testix. Il primo test di laboratorio direttamente a DOMICILIO per scoprire quale insetto/acaro si annida a casa tua.

Per farlo clicca l’immagine sottostante:

SCOPRI TESTIXtestix

Se preferisci sapere quale altro acaro può pungerti e causarti bolle consulta il nostro BLOG di riferimento. Troverai tantissime informazioni utili per eliminare per sempre gli acari che non ti fanno dormire la notte. Se preferisci parlare con un nostro specialista chiamaci al numero verde nazionale

O scrivi una mail all’indirizzo: info@glispecialistidelladisinfestazione.com

A presto!